fbpx
Comunicazione

Focolai azzurri

Quando ne abbiamo sentito parlare la prima volta ci siamo stupiti per la dicitura che la identifica: UANM

Un acronimo geniale, simpatico, unico, identitario.

Lo si ascolta e ci si sente a casa. Almeno per chi è napoletano, per chi ha questa terra nel sangue.

Ma l’espressione dialettale, suono onomatopeico simpatico e goliardico, in questo caso lascia spazio a qualcosa di romantico assai:

Tenere unite una quantità enorme di esseri umani sparsi in ogni parte del mondo ma accomunati da un’unica passione, l’amore per il Calcio Napoli.

Il napoletano è ovunque, lo si sa, ma non tutti sanno che lasciare la propria terra di origine non è affatto facile.

Non tutti sanno che i sacrifici e la sofferenza per una distanza che sembra tutti i santi giorni incolmabile, non è affatto facile da affrontare e superare.

Ed è questo l’incipit che c’è alla base della nascita dei Club Napoli laddove Napoli non c’è.

Sono luoghi di raduno di tanti napoletani, sono luoghi in cui si respira la napoletanità, l’aria di casa, quella che, anche in culo al mondo (volendo citare il capolavoro di Antonio Lobo Antunes), non ti fa sentire mai solo.

Sono quelli in cui si vede la partita del Napoli, rito sacro e immancabile per chi ama questi colori, assieme a chi gioisce come te, piange come te.

Gioisce e piange con te.

Provare a tenere unite quelle che sono singole unità separate da migliaia di chilometri lo troviamo romanticamente geniale.

Questo è UANM. Unione Azzurra Nel Mondo.

Un gruppo nato senza scopo di lucro che sta cercando di emergere e di ingrandirsi.

Un insieme di cuori palpitanti azzurri che ha, tra gli intenti prossimi, quello di diventare una associazione a tutti gli effetti per provare ad essere utile a tutti coloro desiderino avere un punto di riferimento nell’universo, talvolta dispersivo, degli innumerevoli tifosi azzurri.

Sabato 10 dicembre a Piedimonte Matese si è tenuto il 4° raduno del gruppo. Il quarto in soli due anni.

Un grande successo per tutti coloro che, con grande entusiasmo, vi hanno partecipato.

Una circostanza che ha unito, virtualmente o fisicamente, ben 80 Club Napoli sparsi nel mondo.

Un evento che ha rimarcato, ancora una volta, il grande senso di fratellanza e condivisione che caratterizza e identifica l’ ineguagliabile indole partenopea.

About author

Guido Gaglione è docente di arte e immagine, operatore di ripresa e giornalista pubblicista dal 2015.
Related posts
Campo

Brividi di umiltà

Campo

Magici!

Comunicazione

Spalletti l'educatore

Campo

Napoli, adesso l'esame più difficile